Aspettando… il Mio San Marzano

Aspettando… il Mio San Marzano arriva per convivialità, sapore autentico del pomodoro appena raccolto, musica live e piatti semplici della tradizione sono le parole chiave dell’evento che vuole essere una vera e propria celebrazione del “Re” delle tavole in quello che è il primo giorno di raccolta del San Marzano alla scoperta dei metodi e dei luoghi di coltivazione. Una festa in primis degli agricoltori, veri volti della qualità del San Marzano.

La serata sarà presentata da Renato Rocco, direttore de La Buona Tavola, e Francesca Faratro, giornalista enogastronomica del Luciano Pignataro Blog. Con i contributi di Luciano Pignataro, giornalista enogastronomico e Barbara Guerra curatrice della guida 50 TOP PIZZA. Tra gli ospiti, l’“Associazione Verace Pizza Napoletana”, i pizzaioli del gruppo La Piccola Napoli, gli chef della Federazione Italiana Cuochi e dell’Associazione Professionale Cuochi Italiani Campania e lo staff della Gambero Rosso Academy guidata da Serena Maggiulli.  

Il percorso degustativo, a cura di Giuseppe Daddio e Aniello Di Caprio della scuola Dolce&Salato, prevedrà piatti in cui assaporare tutta la freschezza e la genuinità del pomodoro appena raccolto: dalla “focaccia con pomodoro, mozzarella e basilico crudo” all’ “insalata di pasta alla crudaiola”, passando per assaggi di “pomodoro San Marzano spaccato con olio, sale e origano” alla “caprese DOP e caprese dei Monti Lattari” fino ai “peperoncini del fiume al filetto di San Marzano” e al  “Cuzzitiello al ragù e polpette”.

Quest’anno Il Mio San Marzano, progetto avviato dall’azienda Solania S.r.l., si arricchisce di questa appendice che la precede, per rispondere alla necessità di mostrare le metodologie di coltivazione del San Marzano e il suo areale tipico, quello dell’Agro Nocerino Sarnese.

Attraverso il progetto – che mira a soddisfare le esigenze delle comunità di che e pizzaioli che vogliono identificarsi in un prodotto e soprattutto richiedono fortemente una garanzia circa la sua qualità -si potrà:

  • 1.         Scegliere la propria particella di terreno
  • 2.         Identificare il proprio lotto di produzione
  • 3.         Personalizzare l’etichetta del barattolo

Nel corso della manifestazione verrà presentata la sottoscrizione, sulla piattaforma change.org, della petizione all’UNESCO per il riconoscimento dell’Agro Sarnese Nocerino, patria del pomodoro San Marzano, come patrimonio naturale e culturale dell’Umanità.

Lascia un commento