Golocious il nuovo food-porn a Sorrento

Delicious si evolve e viene esportato da Cava de’ Tirreni, per diventare Golocious ed affacciarsi al nuovo scenario di Sorrento.

L’idea base di Vincenzo Falcone, che ha aperto in una sola strada 6 locali con il format Delicious, incontra così quella del tecnologo alimentare, Gian Andrea Squadrilli e si riversa in un nuovo format che avrà diverse declinazioni tra pizza in teglia, pizza, hamburger ed enoteca.

Il logo selto è una bocca sorridente, che richiama atmosfere molto pop e che come da tradizione ha il duplice obiettivo di far godere occhi e palato del consumatore. Definita dagli ideatori: “Una evoluzione del food porn americano, che Falcone ha importato per primo in Italia, che si distacca dal junk food per evolversi in prodotto d’eccellenza, frutto di constante ricerca delle materie prime e di studi sull’estetica”.

Dalle prime informazioni legate ai menù, si può attingere la consapevolezza della grande cura dell’impasto a 48 ore di lievitazione con utilizzo della biga per un blend di farine tipo 0 (30%) e tipo 1 (70%) a cura del maestro pizzaiolo Guido Palladino. In merito Vincenzo Falcone dice: “Diversamente dalle farine bianche 00 e 0 il tipo 1 di farina è meno raffinata in quanto contiene un maggior quantitativo di crusca e di germe di grano che, essendo ricchi di fibre, sali minerali e vitamine, ne incrementano notevolmente il valore nutritivo e la digeribilità. I benefici della farina Tipo 1 sono molteplici. La fibra alimentare in essa contenuta ha, infatti, effetti di tipo funzionale e metabolico in quanto aiuta a mantenere una corretta funzionalità intestinale, a diminuire il colesterolo e a ridurre il glucosio nel sangue”.

Dal menù poi escono fuori la ragù, cheddar fuso e stracciata di bufala, poi quella con crocchè, fonduta di noci e bacon croccante, per passare alla pulled pork, cipolla caramellata e patate schiacciate, e come non menzionare la pizza con lardo di colonnata, miele al tartufo e gorgonzola. Non mancano quelle le classiche come Margherita, Marinara, con pomodorini gialli e quelle che strizzano l’occhio a Carbonara e Nerano. Il tutto prodotto in un laboratorio a vista.

A completare il format sorrentino di Golocious, con 30 posti a sedere aperto dalle 7 del mattino a mezzanotte, anche caffetteria e gelateria artigianale con il maestro Vincenzo Vaccaro che ha realizzato una linea ad hoc.

Check Also

Il panino preparato nella cucina del ristorante

Aprire un ristorante in periodo di CoronaVirus

La riapertura dei ristoranti dopo due mesi di lockdown è sicuramente un atto molto delicato, …